Index di Ginevra – 18-21 aprile 2023

Green Evolution con il suo dipartimento BTTFIBRE, da oltre 30 anni è impegnata nella promozione di fibre tessili per applicazioni  tecniche come il TNT e Filati Tecnici ma anche di fibre a più basso impatto ambientale: dalla fibra di cotone biologico Biore della fondazione Remei Ag, a Tencel e Lyocell dell’ex gruppo Acordis  (ora Lenzing) fino alla sperimentazione e promozione primi in Italia della fibra pla (acido polilattico) da fermentazione di amidi e biodegradabile con il gruppo Far Eastern Textile di Taiwan attraverso la rappresentata RMBFibres ed infine alle fibre da polimero riciclato/rigenerato certificate GRS (global recycle standard).  Alla prox Index di Ginevra – 18-21 aprile 2023 –  la rappresentata Far Eastern Textile di Taiwan, promuoverà la nuova fibra di PET ottenuta da matrice organica (vegetale) ma anche certificata biodegradabile (non compostabile). Con questo tipo di fibra si viene ad abbattere in modo importante l’impronta ambientale delle fibre sintetiche, pur conservando le proprietà della fibra di  poliestere tradizione e favorendo applicazioni di grande mercato,  come i prodotti igienici monouso, nelle mescole con fibre cellulosiche come cotone, rayon e lyocel; in linea con le attese del mercato ed in particolare ad un anno dalla pubblicazione della Strategia del Tessile promossa della EU che favorisce il recupero, riuso dei prodotti tessili e delle fibre ma anche la loro coerenza nel fine vita in caso di mescole con 2 o più tipologie. Green Evolution (BTTFIBRE) è da oltre 30 anni impegnata in Italia nella promozione di fibre e applicazioni tessili a basso impatto ambientale.

PLASMA: LE PERFORMANCE GREEN-HIGH-TECH DEI TESSILI

MPG è società innovativa con sede in Lussemburgo e centro operativo in Belgio  https://molecularplasmagroup.com, che produce la tecnologia PLASMA  per industrie tessili di finissaggio di tessuti, filati, tessuti-non-tessuti e film.
E’  una azienda nata da 2 istituti di ricerca: VITO (Belgio) e LIST luxemburgo. Nata nel 2016 ha sviluppato una tecnologia che seppur nota agli addetti ai lavori è ancora scarsamente utilizzata e valorizzata nei comparti tessili italiani.
In modo particolare la tecnologia del plasma è una applicazione high-tech a basso impatto ambientale, estremamente flessibili per tessuti e nontessuti  realizzati con tecniche e fibre diverse;  utile per implementare e consolidare le performances da raggiungere con tecnologia pulita come per esempio: rendere idrofobi strutture tessili naturalmente idrofiliche o viceversa; fissare pigmenti (colori) su superfici complesse ma anche tra l’altro rendere permanentemente antibatterici i materiali tessili e plastici.
A differenza del trattamento corona, già ampiamente utilizzato in alcuni processi tessili come la stampa e l’accoppiamento con resine e polimerii, la tecnologia del plasma rende i trattamenti permanenti.
MPG offre la progettazione  e la realizzazione  di impianti di trattamento al plasma studiati su misura per esigenze specifiche. Offre inoltre la possibilità di svolgere lavorazioni conto terzi da effettuare presso lo stabilimento belga. I preventivi sono possibili su richiesta. Contattare Green Evolution: info@greenevo.it per preventivi e approfondimenti.

PYROTEX CLASSIC RIDUCE LA CARENZA DI ARAMIDE

PYROTEX: PROVA DEL FUOCO

I produttori, ad esempio, di asfalto e cemento sono costretti a cercare tessuti alternativi ad alta temperatura per la filtrazione del particolato a causa della carenza globale di aramide.
“La fusione di Dow e Dupont […] ha contribuito in modo significativo alla carenza di fibre a cui stiamo assistendo oggi. La catena di approvvigionamento è un grosso problema con la meta-aramide […]; non sembrano esserci cambiamenti in tale questione fino alla fine del 2022”, ha affermato Chris Plotz, direttore dell’istruzione e degli affari tecnici presso l’International Nonwovens and Disposables Associations (INDA).
La carenza in corso sta creando problemi non solo per l’industria dell’asfalto e del cemento, che fa molto affidamento sui sacchi filtranti in meta-aramide per soddisfare i loro mandati di conformità ambientale, ma anche per i produttori di DPI (dispositivi di protezione individuale) e forniture per aeromobili.
Tuttavia, esiste una soluzione disponibile per eliminare la tensione dal mercato e alleviare l’attuale collo di bottiglia: PyroTex® classic, la fibra ignifuga e resistente al calore prodotta da PyroTex Industries in Europa.
“PyroTex® classic è una fibra già affermata e certificata nell’industria della filtrazione dei gas caldi, dei DPI e aeronautica. Poiché ha un LOI, una temperatura operativa continua e un isolamento più elevati rispetto all’aramide, può fungere da sostituto immediato in quei prodotti che non utilizzano già PyroTex classic”, afferma Robert Jarausch, amministratore delegato di PyroTex Industries in Germania e aggiunge: ” Siamo in grado di consegnare in modo tempestivo poiché abbiamo aumentato la nostra capacità”.

Visit PyroTex Website

FORUM DEL RICICLO PRATO 24 NOVEMBRE 2017

FORUM DEL RICICLO PRATO 24 NOVEMBRE 2017

Le materie prime che altri non vogliono o addirittura considerano uno scarto, per noi invece possono essere la fonte di una nuova opportunità di lavoro.Nell’economia circolare la materia prima è un bene a disponibilità limitata, come del resto il Pianeta Terra. Se gestita bene la materia prima non scompare, si ripresenta sotto altre forme, crea nuove opportunità di utilizzo. Se ne parlerà al Forum nazionale sul Riciclo che si terrà a Prato al Centro di Arte Contemporanea Pecci il 24 novembre organizzato da Legambiente. L’esperienza di Green Evo sarà presentata da Marco Benedetti: 40 anni di viaggi per il Mondo per interconnettere esperienze di sostenibilità, a volte creare di nuove, tra industrie, persone, istituti di Paesi diversi, a volte lontanissimi ma tutti artefici nel bene e nel male del destino del Pianeta. Allegato il programma. Ingresso libero per teste libere. Collegato al Forum un estratto della mostra l’Eterno Ritorno promossa da l’ass. Giacimenti Urbani: oggetti reali tra modernità, bellezza e sguardo al futuro grazie a materie prime inusuali ma efficienti